Burke

Vaticano: Greg Burke direttore della Sala Stampa

Dopo dieci anni alla direzione della Sala Stampa Vaticana, padre Federico Lombardi lascia il posto al suo vicario, il giornalista americano Greg Burke. Cinquantasei anni, una lunga esperienza a Time e Fox News, è membro numerario – ovvero laico – dell’Opus Dei. Proprio come l’indimenticato Joaquìn Navarro Valls al tempo di Giovanni Paolo II e oggi presidente del Campus Biomedico di Roma.

 

“Dieci anni di grandissimo significato. Rivolgiamo subito la gratitudine non formale, ma sostanziale a padre Federico, il grazie di tutta la Santa Sede”. Con queste parole mons. Dario Edoardo Viganò ha parlato oggi con i giornalisti del lungo periodo che ha visto impegnato padre Federico Lombardi, 74 anni il prossimo 29 agosto, alla guida della Sala Stampa Vaticana.

“Un periodo lungo – ha detto Viganò -, importante, che ha visto eventi di grandissimo significato, come il pontificato di Benedetto XVI, l’elezione e i primi anni di Papa Francesco, o lo storico incontro all’aeroporto de l’Avana tra il Pontefice e il patriarca Kirill”.

Il cinquantaseienne giornalista americano Greg Burke, avrà come vice una donna, la spagnola quarantunenne Pamela Garcia Ovejero, corrispondente in Italia di Radio Cope.

“E’ una lezione molto lunga, quella di padre Federico, di cui voglio sottolineare due aspetti – ha proseguito Vigano’ -. Il primo, è che ci ha lasciato come stile la visione ecclesiale delle vicende, tenendo insieme le diverse sensibilità. La Chiesa non è un’esperienza monolitica ma multiforme. Quindi è necessaria una visione ampia. La seconda grande ricchezza è l’aver vissuto, come prima Benedetto XVI e poi papa Francesco hanno più volte richiamato, un’ermeneutica spirituale della Chiesa. La Chiesa non sceglie una propria posizione, è cattolica, non riconosce a nessuno il ruolo di antagonista. E  questi sono insegnamenti di padre Federico che si trasmettono a coloro che ne prenderanno il posto”.

Non si può non ricordare poi il suo sottile umorismo che lo ha “tirato fuori” anche dalle situazioni più imbarazzanti, come quando nel 2013 seguì migliaia di giornalisti nel primo Conclave della storia che aveva luogo per un Papa rinunciatario; in un’occasione fu costretto a elencare le caratteristiche chimiche delle cartucce che provocano il fumo nero dal comignolo della Cappella Sistina. “Oggi -disse Lombardi ai reporter di tutto il mondo – teniamo questo briefing con quel che passa il convento”.

Greg Burke ha iniziato a lavorare per un giornale di New York passando poi alla “United Press International” a Chicago. Dal 1988 al 1992 è stato corrispondente da Roma per il “National Catholic Register” e, successivamente per il “Metropolitan Magazine”. Dal 1994 al 2001 è stato corrispondente, sempre dalla Capitale, per il “Time Magazine”. Nel 2001 ha lasciato il “Time” e ha iniziato a lavorare per la tv, diventando corrispondente da Roma per “Fox News”, incarico che ha mantenuto fino al luglio 2012, quando è stato chiamato in Vaticano per ricoprire l’incarico di “advisor” per la comunicazione della Segreteria di Stato.

Il cambio della guardia avverrà il primo agosto. Sarà, dunque, ancora padre Lombardi ad accompagnare il Papa ad una Giornata Mondiale della Gioventù: quella di quest’anno si terrà a Cracovia a fine luglio.