Musei Vaticani: on line il nuovo portale

Una novità dal punto di vista editoriale, ma anche di design e di contenuti. È il nuovo portale dei Musei Vaticani – accessibile da computer, tablet o smartphone – in italiano, inglese, spagnolo, tedesco e francese. Tramite il sito è oggi più facile visitare uno dei più grandi musei del mondo. E lo si può fare sia realmente che virtualmente. Grande la soddisfazione della direttrice, Barbara Jatta.

Anche attraverso questa innovazione la Chiesa si avvicina al Mondo. “L’arte può essere un veicolo straordinario per raccontare agli uomini e alle donne di tutto il mondo, con semplicità, la buona notizia di Dio che si fa uomo per noi, perché ci vuole bene!”. Queste le parole di Francesco, citate durante la presentazione del nuovo sito. Tredicimila pagine con una veste grafica completamente rinnovata www.museivaticani.va, che tra l’altro ha aperto anche un canale YouTube, si pone l’obiettivo, in modo tecnologicamente avanzato, di rendere i “Musei del Papa” sempre più aperti e accessibili. ‘Agevolarne la fruizione non solo come visita virtuale ma anche reale è lo scopo primario”, ha detto la direttrice Barbara Jatta.

Oltre 200.000 le opere tra i depositi e le esposizioni, ora sono su internet quasi 4.000, ma si spera di arrivare alle 20.000 opere esposte entro un anno.

Il frutto di un lavoro di squadra è la definizione che ha dato del nuovo portale mons. Dario Edoardo Viganò. Un sito improntato al motto che vale per internet “less is better then more”, ovvero la necessità di avere “pochi contenuti ma credibili, pertinenti, semplici e ordinati”. “Molte opere dei Musei Vaticani – ha aggiunto il Prefetto della Segreteria per la Comunicazione – saranno esposte a Pechino”. Quasi a dimostare che l'”alta diplomazia” è accompagnata da una “diplomazia del bello” e dall’”arte dell’incontro”.

L’architettura del portale, spiegano i Musei Vaticani, guida il pubblico prima, durante e dopo la visita, con nuove e riformulate informazioni, rinnovati e implementati contenuti multimediali e molteplici sezioni di approfondimento arricchite da dettagliate schede opera.